teatro e letteratura Italiana a Londra dal 1998

 

per informazioni sulle attivitá del Gruppo Escape in Art potete inviare un messaggio email a Escape in Art

 

 

Il Figlio di Aziza di Pino Ferrara

 

 


Vincitore del "Premio Speciale della Giuria"del Premio Letterario Città di Pontremoli 2014

 

Il Figlio di Aziza è la storia delle vite travagliate di una giovane donna fragile e bisognosa di amore e della sorella Lemlem che vive una vita parallela a quella della sorella, ma totalmente diversa.
Due persone provenienti da una famiglia condizionata da tradizioni ambientali e da pregiudizi religiosi, le cui conseguenze toccano la vita di tutti i suoi membri, ma in particolare quella di Lemlem – docile, accomodante, studiosa e altruista – e quella di Aziza – ribelle, svogliata, incapace di accettare le regole che le si vorrebbero imporre, ma anche insicura e sognatrice. La guerra civile che si combatte nel loro paese, in tempi e situazioni diverse, le porta a Roma, dove vivono insieme per un breve periodo. Poi, ognuna per suo conto, per scelta o per necessità, in molti altri paesi, per ritrovarsi ancora insieme a Londra. Le loro vite totalmente diverse si incrociano in un susseguirsi di fatti che in modo diverso entrambe subiscono.
Ma è soprattutto la storia di Adam, un bambino che bambino non è mai stato e che rappresenta per le due sorelle sentimenti diversi: per Lemlem un figlio mai avuto, per Aziza un altro figlio, Sam, di cui non sa più nulla, ma che è sempre presente nella sua mente.
Degli errori altrui Adam paga le conseguenze in modo traumatico. Ciò nonostante riesce a trovare un suo posto in un mondo che fin dalla nascita gli è stato ostile.

 

acquista il libro su

 

 

 

 

Il Maestro Lorenzo Castello, autore delle locandine di Escape in Art

 

Il Maestro Lorenzo Castello, genovese di nascita, lavora dal 1983 fra Londra e Parigi.

Pittore ritrattista di chiara fama, é ricordato per i molti personaggi che hanno deciso di affidare la propria immagine alle sue tele, da Sua Altezza Reale la Principessa Anna d'inghilterra, a Lord Charles Forte, da Sir Eddie George, ex-Governatore della Banca d'Inghilterra, a Sir Denis Mahon, storico d'arte.

Tutte le sue figure ci trasmettono la sua interpretazione di un mondo di magico realismo.

Prestigiosi musei hanno accolto le sue opere: fra questi la National Portrait Gallery di Londra, la National Gallery di Dublino, il Museo Villa Tempra a La Valletta (Malta), il Museo Nazionale del Cairo.

A Genova ha realizzato la pala d'altare della chiesa di San Marco al Molo.

Per maggiori informazioni sulle opere del Maestro Castello potete visitare il suo sito:

 

Lorenzo Castello - Gallery

 

 

Per informazioni sulle attivitá del Gruppo Escape in Art, offrire collaborazione o proporre nuove idee, contattare Pino Ferrara

 

sito disegnato e mantenuto da Vincenzo

 

Tre sull'Altalena

 

Commedia in due atti di Luigi Lunari

 

adattamento e regia di Pino Ferrara   

 

dicembre 2000

 

Rudolf Steiner Theatre - Londra

 

Personaggi ed interpreti:

Il Professore

Salvatore Aloj

Il Capitano

Mariano Bonetto

Il Commendatore

Pino Ferrara

La Signora delle Pulizie

Margherita Moscogiuri

la copertina del programma a cura del Maestro Lorenzo Castello

La Commedia 

 

Trattandosi di  “Teatro dell’impossibile” sul programma  vengono date poche informazioni in merito alla commedia, lasciando allo spettatore di scoprire minuto per minuto il contenuto della stessa, man mano che  sul palcoscenico si svolge l’azione.

Si puó solo dire che si tratta di tre uomini che… vagano nel buio, anzi che oscillano come fossero su di un’altalena. Fino a quando non si inserisce un quarto personaggio, che, invece di chiarire loro le idee, li getta ancora di piu’ nel…. Mistero.

La commedia,  é stata giá rappresentata  in Germania, in Francia, in Spagna in Portogallo e negli Stati Uniti. A Milano é stata messa in scena al teatro Carcano e ripresa per la televisione italiana, che l’ha trasmessa in prima serata. Fra gli interpreti Enrico Beruschi.

Della commedia, Dario Fo ha detto: “…è una delle poche invenzioni teatrali per le quali valga la pena uscire la sera a Milano, sobbarcarsi il rito della vestizione, prenotare un biglietto, prendere un taxi, starsene seduti in una sala stipata di gente…”

Il giornale tedesco “Die Welt” ha scritto: “…commedia di conversazione… Un elegante capolavoro che puó diventare un classico del repertorio teatrale… Lunari… é uno dei pochi che sanno ancora parlare perfettamente e che sanno inventare storie sorprendenti.”

Il “Diario de noticias” di Lisbona, dopo la prima della commedia, ha scritto: “Tre sull’altalena si rivela un folgorante battibecco sull’assurdo della vita e della morte, sulla presenza-assenza di Dio, sul determinismo e l’indeterminismo, il tutto con quella disarmante leggerezza che Italo Calvino avrebbe indicato come esempio della letterarura (o del teatro) del nuovo millennio…”

Il giornale francese “La Marseillaise” ha scritto: “…la rivelation d’un chef d’oeuvre…le parti pris de l’ecriture, l’equilibre precis de cette mecanique, la rigeur de la costruction entretienment jusqu’au bout l’ambiquité, sans jamais  sombrer ni dans la tragique inquietude, ni dans un comique racoleur ou boulevardier.”

Aiuto Regia

Wilma Ponzio

Scenografie

Ivo Ivi e Anna Maria Mari

Luci

Vittorio Caberlotto

Trovarobe

Lorenza Castellon

Trucco

Selma Guerrini

Organizzazione Generale

Wilma Ferrara

 

Il Cast

 

Salvatore Aloj (Totò per gli amici)

 

Persona impegnatissima, é sempre stato coinvolto in un sacco di cose, che vanno dall’insegnamento universitario, alla ricerca scientifica, alla funzione di addetto scientifico presso l’Ambasciata Italiana di Londra, passando attraverso tutta una serie di esperienze che lo hanno portato in giro per il mondo.

Non si era mai cimentato come attore, almeno in forma ufficiale, fino a quando qualcuno gli ha fatto notare la sua rassomiglianza fisica con Enrico Beruschi, che, guarda caso, aveva interpretato il ruolo del professore in questa commedia, al Teatro Carcano di Milano.

Molto probabilmente e seppure inconsciamente, Totó deve aver sempre covato in sé l’idea di… provarci. Ed infatti quando gli venne offerta la parte non ebbe alcuna esitazione ad accettarla.

All’inizio temeva un possibile confronto con il citato signor Beruschi. Alla  lunga ha dimostrato che la parte del professore lui non la recita: il professore é lui!

Modestamente Totò non vuole pensare ad un futuro di attore (Il National Theatre, l’Old Vic, Il Piccolo?) e si preoccupa del suo futuro di docente universitario. Tanto é vero che ha fatto qualche resistenza ad apparire in scena, timoroso che qualche suo futuro studente potesse vederlo. Ti diamo un consiglio Totò, fai come San Gennaro: fúttetenne!

 

Mariano Bonetto

 

Dopo una brillante carriera come dirigente bancario che lo ha portato in giro per il mondo (Londra prima, poi Mosca, Seul, Hong Kong, e quindi Londra ancora), gli si aprono nuovi orizzonti nel campo teatrale. Non gli viene difficile, basta che pensi alle scene quotidiane della sua Napoli (Mariano, ma sei veramente di Napoli o ce lo vuoi far credere ed invece sei dei… dintorni?). Come dicitore di barzellette, durante tutte le prove non siamo riusciti a capire se  veramente non le sa raccontare o se interpreta il ruolo cosí bene da confonderci.. Vedete voi. Perché se le cose stanno cosí, un futuro anche di cabarettista non glielo leva nessuno.

 

Pino Ferrara

 

Attore guitto lo é sempre stato. Sia sul palcoscenico (ha cominciato a recitare a nove anni) sia in teatri affatto diversi. I fischi ed i…  fiaschi non sono bastati a farlo desistere, a fargli capire che non era il caso, che era meglio lasciar perdere. E invece… ha continuato.

A Londra ha cominciato teatralmente come Cavaliere in una commedia dove si parlava tanto di mortadella e di tremarella. La parte era quella di un rubacuori suo malgrado.

Ora ritorna come Commendatore ed é un avanzamento... Peró come rubacuori da strapazzo. Dove vuole arrivare?  Beh, se ci fosse una parte di Grand’Ufficiale e la memoria regge, vorrebbe riprovarci.

Pino, ma non è meglio darti a qualche sport?

 

Margherita Moscogiuri

 

Margherita è il tipo di persona che se non fa almeno tre cose nuove al giorno si annoia.

Margherita è dovunque. E' sempre dovunque, come se avesse il dono dell’ubiquitá. E questo crea qualche problema ai suoi amici, che sono confusi quando parlano di lei perché é difficile poter dire un dove o un quando per Margherita. E’ dappertutto ed in qualunque momento.

I suoi interessi sono  innumerabili. Provarci? Impossibile. Nasce professoressa di matematica (ma chi lo sapeva?), fa la giornalista, la conferenziera, la cartomante, cucina in modo divino, eppoi, eppoi… Eppoi i cappelli! I cappelli di Margherita sono famosi, conoscuti, ammirati, apprezzati ed… invidiati. Li porta cosí bene!

Quando le é stato chiesto se voleva fare del teatro, non ha avuto alcuna esitazione. “Era proprio quello che stavo aspettando” – fu la risposta.

Non lo aveva fatto prima perché non ne aveva trovato il tempo.

In questa occasione fa un doppio debutto: come attrice e come…(lascia passare Margherita) donna delle pulizie. Va meglio come attrice perché in quanto alle pulizie… sul palcoscenico si vedrá di cosa é capace.

Margherita, ti aspettiamo in futuro in parti piú impegnative. Sono alla tua portata.

 

Ringraziamenti

 

Il Gruppo “Escape in Art”  desidera ringraziare le seguenti persone che, con il loro sostegno ed il loro patrocinio, hanno consentito di mettere in scena questa commedia:

  • Dott.Prof. Siro Lombardini – Presidente della Banca Popolare di Novara

  • Antonio di Benedetto – Amm.re Delegato Interdean Int. Movers, Milano

  • Cav. Uff. Lillo Militello – Concordia Notte Restaurant

  • Paola Giovanelli – General Manager Ciao Travel

  • Bepi e Francesco della Cantinetta Venegazzù, Londra

  • Dott. Luigi Omiccioli

  • Padre Roberto Russo

  • Simone ed Alessandra Frangi

  • Dott. Antonio Caprarica – RAI Radio Televisione Italiana, Londra

I vestiti della Signora Moscogiuri sono stati forniti da Vanessa del Sole.

 

Un ringraziamento particolare all’autore della commedia, Luigi Lunari, che ha rinunciato ai diritti di autore.

Teatro

Tre sull'Altalena

Villa Letizia

Il Senatore Fox

Da Giovedí a Giovedí

Sotto un Ponte, Lungo un Fiume...

La Spia - L'Ascensore

Da Che Parte Stai

Il Potere e' Suocera

Il Ladro e la Signora

...Vampiro Compreso

 

Recitals

Recital giugno 1998

 

Recital novembre 1998

 

St Domenic's College, 26 maggio 2001

 

Latymer Upper School, 27 marzo 2006

 

Una serata per due poeti, 5 febbraio 2010

 

 

   copyright © MCMXCVIII - MMXVII