teatro e letteratura Italiana a Londra dal 1998

 

per informazioni sulle attivitá del Gruppo Escape in Art potete inviare un messaggio email a Escape in Art

 

 

Il Figlio di Aziza di Pino Ferrara

 

 


Vincitore del "Premio Speciale della Giuria"del Premio Letterario Città di Pontremoli 2014

 

Il Figlio di Aziza è la storia delle vite travagliate di una giovane donna fragile e bisognosa di amore e della sorella Lemlem che vive una vita parallela a quella della sorella, ma totalmente diversa.
Due persone provenienti da una famiglia condizionata da tradizioni ambientali e da pregiudizi religiosi, le cui conseguenze toccano la vita di tutti i suoi membri, ma in particolare quella di Lemlem – docile, accomodante, studiosa e altruista – e quella di Aziza – ribelle, svogliata, incapace di accettare le regole che le si vorrebbero imporre, ma anche insicura e sognatrice. La guerra civile che si combatte nel loro paese, in tempi e situazioni diverse, le porta a Roma, dove vivono insieme per un breve periodo. Poi, ognuna per suo conto, per scelta o per necessità, in molti altri paesi, per ritrovarsi ancora insieme a Londra. Le loro vite totalmente diverse si incrociano in un susseguirsi di fatti che in modo diverso entrambe subiscono.
Ma è soprattutto la storia di Adam, un bambino che bambino non è mai stato e che rappresenta per le due sorelle sentimenti diversi: per Lemlem un figlio mai avuto, per Aziza un altro figlio, Sam, di cui non sa più nulla, ma che è sempre presente nella sua mente.
Degli errori altrui Adam paga le conseguenze in modo traumatico. Ciò nonostante riesce a trovare un suo posto in un mondo che fin dalla nascita gli è stato ostile.

 

acquista il libro su

 

 

 

 

Il Maestro Lorenzo Castello, autore delle locandine di Escape in Art

 

Il Maestro Lorenzo Castello, genovese di nascita, lavora dal 1983 fra Londra e Parigi.

Pittore ritrattista di chiara fama, é ricordato per i molti personaggi che hanno deciso di affidare la propria immagine alle sue tele, da Sua Altezza Reale la Principessa Anna d'inghilterra, a Lord Charles Forte, da Sir Eddie George, ex-Governatore della Banca d'Inghilterra, a Sir Denis Mahon, storico d'arte.

Tutte le sue figure ci trasmettono la sua interpretazione di un mondo di magico realismo.

Prestigiosi musei hanno accolto le sue opere: fra questi la National Portrait Gallery di Londra, la National Gallery di Dublino, il Museo Villa Tempra a La Valletta (Malta), il Museo Nazionale del Cairo.

A Genova ha realizzato la pala d'altare della chiesa di San Marco al Molo.

Per maggiori informazioni sulle opere del Maestro Castello potete visitare il suo sito:

 

Lorenzo Castello - Gallery

 

 

Per informazioni sulle attivitá del Gruppo Escape in Art, offrire collaborazione o proporre nuove idee, contattare Pino Ferrara

 

sito disegnato e mantenuto da Vincenzo

Il Senatore Fox

 

Commedia in tre atti di Luigi Lunari 

 

adattamento e regia di Pino Ferrara

 

26-27-28 Novembre 2002

Rudolf Steiner Theatre - London

30 Novembre 2002

Bowen West Theatre - Bedford

 

Personaggi ed interpreti (in ordine di apparizione)

 

Vittorio Fox

candidato senatore 

Salvatore Aloj

Giacomo Colombo

segretario del senatore 

Antonio Silvestri

Avvocato Aquila 

mestatore e traffichino

Vincenzo Albano

Bianca Fox

moglie del senatore

Silvana Camilletti

Maria Fox

figlia del senatore  

Giulia Cambiano

Onorevole Orsi

deputato (quasi-ex)

Vito di Ventura

Padre Gatti

monsignore politicizzato

Pino Ferrara

 

Scenografia

Ivo Ivi & Anna Maria Mari

Luci

Vittorio Gabellotto

Trucco

Niki Gallagher

Trovarobe

Lorenza Castellon

Organizzazione Generale

Wilma Ferrara

 

 

la copertina del programma a cura del Maestro Lorenzo Castello

Febbraio 2003 - Il Gruppo Escape in Art consegna alla D.ssa Giorgina Vergani un assegno di £4,300, frutto della commedia Il Senatore FOX. La cerimonia si é svolta presso il Consolato Italiano a Londra, alla presenza del Console Dr Stassano, della Sig.ra Ada Pizzuto del VVI (Visitatori Volontari Italiani) e della D.ssa Giorgina Vergani. Il VVI ha destinato i proventi de 'Il Senatore Fox' al Reparto di Epatologia Infantile del King's College Hospital diretto dalla D.ssa Giorgina Vergani.

 

Maggior dettagli sulla destinazione dei fondi del Gruppo Escape in Art sono disponibili sulla seguente pagina:

 

Come aiutamo gli altri

Da sinistra: Pino Ferrara, Vito Di Ventura, Silvana Camilletti, Salvatore Aloj, Giulia Cambiano, Antonio Silvestri e Vincenzo Albano (foto Cav. Salvatore Mancuso)

La Commedia

 

Immersa in un clima politico che accompagna l'azione dall'inizio alla fine, con personaggi apparentemente farseschi, ma che riflettono molta della realtá politica italiana attuale, la commedia tratteggia la personalitá di un uomo che della politica ha fatto il suo modo di vivere, ma che alla stessa non ha concesso quella parte di se stesso che lo rende diverso dagli altri politici.

 

Il Senatore Fox conserva dei sentimenti ed una profonda fede in qualcosa che lo rende tanto umano quanto é cinico nel suo mestiere politico. Fede in un suo mondo che lui dava per 'scontato' ed all'interno del quale tuttavia non aveva mai guardato. Fino a quando circostanze e fatti al di fuori del suo controllo, non lo mettono di fronte ad una realtá ben diversa da quella in cui ha sempre creduto e contro la quale i suoi poteri di uomo politico non possono nulla.

 

Tutto comincia quando la figlia lo informa che ha deciso di sposarsi con il giovane di cui é innamorata. Fox e la moglie si oppongono con decisione quando vengono a conoscenza del fatto che il giovane innamorato é figlio di padre ignoto. Quando traspare la possibilitá che il senatore stesso sia il padre ignoto, la situazione diventa alquanto complicata e... questo é solo l'inizio dell'intrigo.

Il Cast

Vincenzo Albano

 

E' al suo debutto sul palcoscenico. Ma si muove tanto bene che si stenta a crederci. E' stata fatta un'indagine per vedere se in quel di Taranto, cittá da cui proviene, Vincenzo non abbia avuto dei precedenti teatrali o politico-affaristici da giustificare la sua familiaritá con il ruolo che interpreta. Non é risultato nulla, e quindi bisogna dargli atto che ha delle innate doti di attore. E' stata solo segnalata una sfrenata passione per la fotografia, per le diapositive e per il karaté.

Vincenzo, data che questa é la tua prima esperienza teatrale, non montarti la testa. Va bene che il mondo della City al momento non é dei migliori, ma aspetta almeno una seconda esperienza prima di dire a Doris che sei pronto per il grande passo: lasciare la finanza e diventare attore professionista. Va bene che il fisico ce l'hai...

Salvatore Aloj

 

Totó, come attore, sembra avviato a seguire le orme di Alberto Sordi nella caratterizzazione di personaggi della vita italiana. Sordi lo ha fatto nel cinema personificando l'italiano medio a partire dagli anni cinquanta. Totó lo fá in teatro rappresentando l'italiano di una certa etá, con una certa posizione sociale, colto quanto basta, logico e navigato.

Lo abbiamo visto nei panni di un professore razionalista ed ateo. Poi in quelli di un anziano signore che si batte per difendere i diritti di quelli della sua etá, sorretto in questo da un ritrovato amore giovanile.

In questa commedia caratterizza l'uomo politico di sottogoverno con il suo cinismo, i suoi intrallazzi, i suoi compromessi, i suoi 'scheletri nell'armadio', ma anche con un suo mondo di sentimenti che tiene assolutamente lontano dalla politica.

Totó é assolutamente convincente e vive il personaggio con una intensitá che genera qualche sospetto: Mariangela, hai guardato bene nel passato di Totó?

Sul serio, Totó é un vero attore e potrebbe calcare i palcoscenici dei migliori teatri italiani, senza nulla concedere a quelli che lo fanno per mestiere. Totó lo fa per beneficenza ed é per questo che é da ammirare ancora di piú.

Giulia Cambiano

 

Bella, colta, intelligente, introdotta, presenzialista, un poco snob e tanta, tanta voglia di fare qualcosa di nuovo. Questa é Giulia.

Questa volta il 'qualcosa di nuovo' é fare teatro. Le riesce bene, ma quanta fatica a convincerla che sulla scena si puó essere affetuosi anche con persone che non siano Dario.

E farle dire due parolacce poi! E non é che siano poi tanto sboccate. Ma Giulia é fatta cosí. Salvo poi lasciarsi coinvolgere da un ruolo affettuoso si, ma anche cinico e calcolatore. Che Giulia sia anche questo e non lo sappiamo? Giulia, ma chi sei?

 

Silvana Camilletti

 

Parlare di Silvana come attrice é molto facile e molto difficle allo stesso tempo. I suoi punti positivi? E' sempre disponibile per le prove, é piena di scrupoli nel trovare la frase piú felice, l'intonazione piú appropriata, il gesto piú misurato, é tenace nel ripetere una scena fino a quando non é certa di aver raggiunto il meglio. E', insomma, una vera professionista.

Di negativo c'é il fatto che é una vera professionista in mezzo ad un gruppo di dilettanti, e la cosa risalta. Fortunatamente ha anche il copione sempre a pezzi, le mancano i fogli, dimentica di entrare in scena, non porge le battute di coda (quelle a cui ci si attacca per continuare il dialogo). Altrimenti si dovrebbe parlare di perfezione.

Ma basta questo a descrivere Silvana? Non basta. Il punto é che si corre il rischio di ripetersi parlando di lei, del suo entusiasmo. Ecco, forse l'entusiasmo é la cosa che la caratterizza meglio. L'entusiasmo che sa trasmettere anche agli altri. Grazie Silvana.

Vito Di Ventura

 

Personalitá eccentrica quella di Vito.

Riservato nella vita di tutti i giorni, come gli impone il suo lavoro, eccentrico nella sua vita privata. Vito é pittore, poeta, scrittore (ha anche pubblicato un libro) ed ora anche attore. Il tutto con misura, in punta di piedi, senza esporsi.

Quando gli fu chiesto di fare un provino, disse semplicemente: 'e perché no?' e la parte fu sua. Alla terza prova Vito aveva giá memorizzato tutto. Notevole la sua duttilitá nell'adattare, dopo, il dialogo al personaggio. Ma che perdesse la calma una volta! Mai. Sempre attento, sempre flemmatico, controlato. Vincenza, ma é cosi' anche a casa? Sei ben fortunata. Vito lasciati andare un poco: come dire per una volta, smetti la divisa e metti la giubba.

Ti vedremo ancora in scena in futuro, ne siamo certi.

 

 

Antonio Silvestri

 

Un naturale irrequieto. Questa é l'impressione che Antonio dá di se stesso quando lo si incontra per la prima volta.

Puteolano, studia all'Istituto Nautico, ma non diventa un direttore di macchina. Si laurea in lettere moderne, ma non pensa di insegnare. I suoi genitori devono essere diventati matti quando Antonio comincia corsi di Arte Drammatica e di Direzione Teatrale. 'Ma come -pensano- il teatro! Ma a Pozzuoli abbiamo giá Sophia di celebritá, ne basta una!'. Antonio non molla e comincia a calcare le scene. la lista delle cose che ha fatto in teatro é lunga, ma non lo ha soddisfatto. Che avessero ragione i suoi genitori?

Arriva a Londra, ricomincia a studiare e nel contempo cerca lavoro ed anche qualcuno che gli possa far fare del teatro, perché il teatro fa parte del suo DNA. Come negargli una parte con i suoi trascorsi? Oltretutto é bravo, professionale e disponibile. Niente di meglio per uno che il teatro lo ama davvero. Non mollare Antonio.

Pino Ferrara

 

Si occupa di teatro perché si diverte, e perché altrimenti non saprebbe come spendere parte del suo tempo libero.

Presuntuoso, vorrebbe interpretare tutte le parti di qualsiasi commedia in cui si imbatte. Non potendolo fare, ha smesso di fare l'attore (una sola parte per volta!) e si é dedicato alla regia. Cosí puó vivere tutti i ruoli, soddisfacendo il suo ego. Peró si rende utile alla causa: fa tutto per beneficenza. E questo forse consente di perdonare la sua megalomania.

Ringraziamenti

 

Il Gruppo Escape in Art ringrazia:

Ringraziamo inoltre gli sponsors:

                                    

Antonio Di Benedetto

Interdean

Lillo e Giovanni Militello

Concordia Notte Restaurant

Bepi e Francesco

Cantinetta Vengazzú

Dr Luigi Omiccioli e Dr Carlo Ballarino

The Italian Clinic

Ludovico Filotto

Portobello Food Co.

Amilcare Rossi

Pietro Negroni Ltd

Paola Giovanelli

Ciao Travel

Lucia Carnevale

Carnevale Italian Delicatessen

 

Teatro

Tre sull'Altalena

Villa Letizia

Il Senatore Fox

Da Giovedí a Giovedí

Sotto un Ponte, Lungo un Fiume...

La Spia - L'Ascensore

Da Che Parte Stai

Il Potere e' Suocera

Il Ladro e la Signora

...Vampiro Compreso

 

Recitals

Recital giugno 1998

 

Recital novembre 1998

 

St Domenic's College, 26 maggio 2001

 

Latymer Upper School, 27 marzo 2006

 

Una serata per due poeti, 5 febbraio 2010

 

 

   copyright © MCMXCVIII - MMXVII