teatro e letteratura Italiana a Londra dal 1998

 

per informazioni sulle attivitá del Gruppo Escape in Art potete inviare un messaggio email a Escape in Art

 

 

Il Figlio di Aziza di Pino Ferrara

 

 


Vincitore del "Premio Speciale della Giuria"del Premio Letterario Cittŕ di Pontremoli 2014

 

Il Figlio di Aziza č la storia delle vite travagliate di una giovane donna fragile e bisognosa di amore e della sorella Lemlem che vive una vita parallela a quella della sorella, ma totalmente diversa.
Due persone provenienti da una famiglia condizionata da tradizioni ambientali e da pregiudizi religiosi, le cui conseguenze toccano la vita di tutti i suoi membri, ma in particolare quella di Lemlem – docile, accomodante, studiosa e altruista – e quella di Aziza – ribelle, svogliata, incapace di accettare le regole che le si vorrebbero imporre, ma anche insicura e sognatrice. La guerra civile che si combatte nel loro paese, in tempi e situazioni diverse, le porta a Roma, dove vivono insieme per un breve periodo. Poi, ognuna per suo conto, per scelta o per necessitŕ, in molti altri paesi, per ritrovarsi ancora insieme a Londra. Le loro vite totalmente diverse si incrociano in un susseguirsi di fatti che in modo diverso entrambe subiscono.
Ma č soprattutto la storia di Adam, un bambino che bambino non č mai stato e che rappresenta per le due sorelle sentimenti diversi: per Lemlem un figlio mai avuto, per Aziza un altro figlio, Sam, di cui non sa piů nulla, ma che č sempre presente nella sua mente.
Degli errori altrui Adam paga le conseguenze in modo traumatico. Ciň nonostante riesce a trovare un suo posto in un mondo che fin dalla nascita gli č stato ostile.

 

acquista il libro su

 

 

 

 

Il Maestro Lorenzo Castello, autore delle locandine di Escape in Art

 

Il Maestro Lorenzo Castello, genovese di nascita, lavora dal 1983 fra Londra e Parigi.

Pittore ritrattista di chiara fama, é ricordato per i molti personaggi che hanno deciso di affidare la propria immagine alle sue tele, da Sua Altezza Reale la Principessa Anna d'inghilterra, a Lord Charles Forte, da Sir Eddie George, ex-Governatore della Banca d'Inghilterra, a Sir Denis Mahon, storico d'arte.

Tutte le sue figure ci trasmettono la sua interpretazione di un mondo di magico realismo.

Prestigiosi musei hanno accolto le sue opere: fra questi la National Portrait Gallery di Londra, la National Gallery di Dublino, il Museo Villa Tempra a La Valletta (Malta), il Museo Nazionale del Cairo.

A Genova ha realizzato la pala d'altare della chiesa di San Marco al Molo.

Per maggiori informazioni sulle opere del Maestro Castello potete visitare il suo sito:

 

Lorenzo Castello - Gallery

 

 

Per informazioni sulle attivitá del Gruppo Escape in Art, offrire collaborazione o proporre nuove idee, contattare Pino Ferrara

 

sito disegnato e mantenuto da Vincenzo

IL GRUPPO ESCAPE IN ART in collaborazione con GLI  STUDENTI DI LINGUA ITALIANA

del Saint Domenic’s Sixth Form College e The Convent of Jesus and Mary

presenta lo spettacolo

ABBIAMO QUALCOSA DA DIRE

Un programma di arte varia, pensato, scritto e  presentato dagli studenti, con la coordinazione del gruppo “Escare in Art” e la Regia di Pino Ferrara

The Convent of Jesus and Mary, Crownhill Road – London NW10, Sabato 26 Maggio 2001 - ore 19:00

 

Il Programma 

Maria e Barry Prologo
Lino        Lo specchio (poesia)
Gruppo C.J.M     Role Plays
Marco          Improvvisazioni al pianoforte su temi jazz, blues e classic.      

Pietro, Simona e Fabio 

L’arte della commedia

Maddy

“Caruso”. Canzone di L.Dalla

Maria

Monologhi dal libro “Volevo i  pantaloni” di Lara Casella

Maddy     

Torna a Sorrento (canzone)
Irene, Cecilia e Sergio

“Annuncio a Maria” di Claudel. Atto II, scene varie

Barry e Linsey 

L’inglese degli stranieri. Avvisi e annunci.

Linsey                  

Evviva Espagna

Gruppo C.J.M.                 

Parlare a gesti

Maddy                      

Core ingrato (canzone)

Giovanni                

Cabaret

Cecilia              

Alba e tramonto (poesia)

Finale                        

What a Wonderful World

Prologo (di Maria e Barry)

Signore e Signori buona sera. 

Forse dovremmo dire signori genitori buona sera, visto che la maggioranza di voi é formata da genitori. Dai nostri genitori.

State per assistere ad un programma di arte varia deciso, preparato e presentato da noi e vorremmo che  almeno per la durata del programma vi rilassaste un poco. 

Ma non vogliamo perdere questa occasione, unica, di avervi qui tutti insieme come spettatori, per lanciarvi un messaggio. Uno dei tanti messaggi che continuamente vi mandiamo, ma che non raccogliete. Vorremmo essere ascoltati da voi. 

Voi genitori, o almeno alcuni di voi, siete molto presi, forse troppo presi e spesso non avete abbastanza tempo per noi figli. Se ci ascoltaste piú spesso, vi accorgereste che di segnali ve ne lanciamo tanti. Soloche non li raccogliete, perché non avete tempo, perché siete sempre di corsa e non vi soffermate. Non é tutta colpa vostra, ma questo é un vostro problema. Noi figli abbiamo il diritto di essere ascoltati, abbiamo il diritto che i nostri segnali vengano raccolti. 

Troppo spesso alcuni di voi si limitano a chiedere come andiamo a scuola, sperando che vi diciamo sempre “va bene” per non avere grattacapi. Ma non sempre va bene anche quando vi diciamo che va bene. Vi vediamo cosi’ occupati, cosi’ di corsa, quasi assenti che riteniamo sia inutile rendervi partecipi di cose che sappiamo non volete sentire. Cosí si creano problemi, che diventano nostri probemi, problemi di noi ragazzi e che invece dovrebbero essere anche vosri. Anzi, in quanto genitori, soprattutto vostri.

Cari genitori, ci manca il dialogo con voi e non per colpa nostra. Alla droga, al bere, a certe compagnie voi ci spingete lentamente, gradualmente, ma continuamente con i vostri silenzi, con la vostra disattenzione. Volete ascoltarci per favore? Volete prestarci attenzione? Volete dedicarci un poco del vostro poco tempo? Non aspettate che ci cacciamo nei guai per poi dire, non me ne ero accorto, non mi sembrava, ecc. Aiutateci. Aiutiamoci, ascoltandoci reciprocamente, parliamo. La sera a cena il televisore teniamolo spento e parliamo di noi. Farebbe bene a tutti. Ecco questo é il messaggio che vi lanciamo. Ascoltateci, capiteci ed aiutateci a capire noi stessi. Aiutateci a crescere.

Oggi siamo qui per farvi divertire un poco, per distrarvi dai vostri problemi quotidiani, che, lo sappiamo, sono tanti.

Questa sera siamo qui per farvi vedere che siamo capaci di fare anche cose belle, artistiche, che sappiamo stare davanti ad un pubblico, che sappiamo dire cose vere e divertenti allo steso tempo. Quindi rilassatevi, godetevi lo spettacolo e, se ce lo meritiamo, applauditeci.

Buon divertimento.

Teatro

Tre sull'Altalena

Villa Letizia

Il Senatore Fox

Da Giovedí a Giovedí

Sotto un Ponte, Lungo un Fiume...

La Spia - L'Ascensore

Da Che Parte Stai

Il Potere e' Suocera

Il Ladro e la Signora

...Vampiro Compreso

 

Recitals

Recital giugno 1998

 

Recital novembre 1998

 

St Domenic's College, 26 maggio 2001

 

Latymer Upper School, 27 marzo 2006

 

Una serata per due poeti, 5 febbraio 2010

 

 

   copyright © MCMXCVIII - MMXVII